Joseph Ki-Zerbo: Storia dell’Africa nera, un continente tra la preistoria e il futuro .

Pubblicato: 24 luglio 2011 in EROI AFRICANI

Joseph Ki Zerbo era nato in Burkina Faso (prima Alto Volta) nel 1922. E’ ritenuto uno dei maggiori intellettuali africani. Cresce in un mondo contadino fino a 11 anni, studia nelle scuole missionarie tra l'odierno Burkina Faso e il Mali. Sarà poi a Dakar, dove oltre ad insegnare è impiegato alle ferrovie. Ottiene la maturità a 27 anni e grazie al buon profitto vince una borsa di studio alla Sorbona di Parigi, dove si reca nel 1949. Entra in politica nell'Associazione dei studenti africani in Francia e nel sindacato, maturando il pensiero anti-colonialista e socialista. Sposa Jaqueline Coulibaly (figlia di un sindacalista maliano). E' professore di storia a Parigi e poi a Dakar. Nel 1957 fonda il Movimento di Liberazione Nazionale (MLN), che su base socialista, lotta per l'immediata indipendenza e contro il referendum voluto da De Gaulle nelle colonie francesi. Il no al referedendum vince solo in Guinea (che diventa indipendente) e Ki-Zerbo, assieme alla moglie viene chiamato dal presidente Sekou Tourè a sostituire gli insegnanti francesi richiamati in patria. Resterà in Guinea fino al 1960, quando rientrerà in Alto Volta. Insegna a Ouagadougou e inizia a pubblicare scritti inerenti la storia e la cultura africana, culminati con la pubblicazione, del 1972, della sua opera maggiore, Historie de l'Afrique noir, des origines a nos jours. Partecipa alla tormentata vita politica dell'Alto Volta. Dal 1972 al 1978 lavora, come coordinatore del progetto per l'UNESCO alla monumentale Historie generale de l'Afrique.
Nel 1983 fu costretto all'esilio a Dakar (rientrerà solo nel 1992), come principale leader d'opposizione, da Thomas Sankara. Questo fu un grande errore di Sankara (come ha avuto modo di scrivere Pier Maria Mazzola nel capitolo dedicato a Ki-Zerbo nel suo Leoni d'Africa, "Nessuno è perfetto. E non lo fu nemmeno in mitico Thomas Sankara") . Che oltre ad esiliare Ki-Zerbo (tentò poi invano di farlo rientrare) non impedì che la sua biblioteca, di oltre 11 mila volumi, fosse data tristemente alle fiamme.
Rientra, sempre accompagnato dalla moglie, nel Burkina Faso nel 1992, fonda il Partito per la democrazia e il progresso (PDP) che nel 1997 supera il 10%. Ki Zerbo, divenuto deputato, rassegna le dimissioni nel 1998 a seguito dell'assassinio del giornalista Norbert Zongo.
La lunga e intensa vita di Ki-Zerbo finì a Ouagadougou, nel dicembre del 2006. Ecco un post su Unimondo, il giorno seguente alla sua morte.
Qualcuno ha scritto che "per molti africani e per l'Africa, il solo nome di Ki-Zerbo è un modo per andare alle fonti della propria identità, di guardare al proprio passato come una risorsa per il futuro".

bY BLOG SANCARA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...