Nebbia informativa – Zygmunt Bauman

Pubblicato: 22 settembre 2011 in IMPRESSIONI

Lo diceva anche Socrate: “Io so di non sapere”. Sono sicuro che in qualcuno di voi già sta per balenare in mente una risposta tipo ” Certo, ai suoi tempi mica aveva internet…” E invece no! Oggi questa citazione è più vera e radicata che mai. ”Siamo di fronte ad una nebbia informativa, una cortina impenetrabile di notizie ed informazioni in eccesso che non ci permette di sapere cosa c’è oltre. Siamo in una modernità di bambagia che ci impedisce di fare ciò che vogliamo, sviluppa in noi un senso di ignoranza, di inadeguatezza e di frustrazione, uno stato di impotenza e di instabilita” non lo dico io bensì il sociologo Zygmunt Bauman (come riportato dall’ANSA).
Forse i più pratici smanettoni di internet e siti web si saranno già accorti che spesso le notizie riportate in rete altro non sono che stralci scopiazzati e rivisti da altri siti. Notizie di rimbalzo. Un passamano che genera ridondanza e soprattutto disinformazione. Mancanza di approfondimenti ed assortimento di argomenti. Ma ciò che è ancor piu pericoloso è la probabilita’ che gli individui si basino sulla convinzione che basta un collegamento internet per ottenere tutte le informazioni desiderate. Come se la rete fosse la finestra del sapere. Certo, il potere informativo del web 2.0 è indiscutibile ma viaggia a pari passo con il potere disinformativo. Spesso si raccolgono informazioni su internet che poi si rilevano false e poco attendibili quasi sempre a causa della cattiva o mancata gestione dei siti web. Cosi che vi accorgete che gli orari di apertura di quel ufficio, cosi come pubblicato sul proprio sito, sono sbagliati perchè, ahimé si riferiscono a qualche anno fa, che quella procedura e lista di documenti da presentare allo sportello numero tot non era aggiornata e lo sportello numero tot non esiste neanche più, che sono innumerevoli i pareri scientifici di quel argomento che tanto vi sta a cuore tanto che adesso non sapete più cosa pensare (senso di ignoranza e frustrazione). Se vi e’ capitato almeno uno di questi episodi, o qualcosa di simile, allora siete inciampati in uno degli innumerevoli aspetti e controindicazioni della “nebbia informativa”. Se invece non vi e’ ancora capitato, peggio ancora, vi cullate ancora nella convinzione che basta avere un computer, collegarsi ad internet per avere a disposizione un mondo infinito di informazioni… E se state pensando che internet, o meglio ancora il “caro amico del cuore” facebook, ha consentito la caduta di interi regimi politici-militari, allora non fatevi accecare dalla nebbia informatica bensi domandatevi come mai dittature ormai quasi secolari non danno ceno di cadere e soprattutto perché in rete, nei forum e nei social network più importanti nessuno ne parla? Che internet sia effettivamente il luogo virtuale del libero scambio di informazioni ho ancora qualche dubbio ma assumendo che cosi possa essere veramente, siamo proprio convinti che libera informazione equivalga a più sapere?

BY CURRENT

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...