FATTI INNOCENTI

Pubblicato: 23 novembre 2017 in RACCONTI

Il 25 Novembre sarà la giornata per la commemorazione delle vittime di violenza fisica, psicologia : le donne italiane.

Siamo in Italia, quindi la priorità nel presiedere questo tipo d’evento novembrino ,  tocca per primo alle donne italiane, soprattutto le donne che nel ’68 manifestavano nelle grandi città.

In quella giornata si organizzeranno, manifestazioni, eventi culturali e artistici che avranno come protagoniste le donne : le donne artiste solo per quell’unico giorno dell’anno, avranno la priorità rispetto agli uomini o alle compagnie artistiche consolidate nel territorio, di utilizzare  spazi, sale consiliari o gallerie per parlare della violenza delle donne. Quel giorno , per le  donne interessate , dovrebbero avere il dono dell’ubiquità o chiedere un permesso al lavoro per un uscita anticipata; si, perchè la maggior parte di questi eventi avviene nel pomeriggio o verso le prime ore della sera.

Quindi mi chiedo : chi avrà la possibilità di essere presente ad un convegno o manifestazione alle 16.30, o alle 17.30 o alle 18 ? Per fortuna che quest’anno  il 25 Novembre è Sabato ! ( alcuni eventi ci saranno anche il 24 Novembre ).

L’errore nell’organizzare questi eventi in orari in cui solo le donne borghesi, libere professioniste o impiegate statali , possono permettersi di presiedere; e le altre ? Forse sono proprio le altre che avrebbero più bisogno di sentire certe cose o vedere unità tra le donne, che avviene sporadicamente ma,  che può convincere  le più timide e sottomesse nel dichiararsi e nel  denunciare. Le altre sono le operaie, le colf, le commesse, le casalinghe, le donne straniere.

Il femminismo in Italia ha avuto origine nelle classi sociali medio alte , e poi con il tempo è riuscito ad entrare e farsi conoscere anche negli strati sociali più bassi  e come tale è rimasto. Come disse una mia amica comunista: “Se non ci fossimo noi borghesi comunisti intellettuali, non ci sarebbero stati cambiamenti in italia !” Arroganza, esuberanza?  ma, la realtà è questa: si predicava che le grandi rivoluzioni sarebbero dovute partire dal basso ma, in Italia, sono state tutte decise ed iniziate dall’alto e,  così ancora oggi.

Fatti innocenti : nei discorsi delle donne comuniste, socialiste, femministe, si parla della donna come genere femminile  senza sottolineare la differenziazione etnica. Le donne straniere non vengono neanche contemplate o coinvolte ,massimo in corsi dove le si insegna la lingua italiana.

 

 

Il 24 Novembre a Roma e penso in tutto il mondo ci sarà una manifestazione davanti a tutte le ambasciate libiche per protestare contro i soprusi, le violenze, la commercializzazione degli esseri umani e tutte le atrocità che stanno avvenendo il Libia.

A Parigi c’è già stata una manifestazione spontanea di africani o francesi neri:cantanti, come Alpha Blondy, giornalisti, alcuni presidenti africani hanno commentato duramente i fatti accaduti in Libia, attraverso  video diventati virali, soprattutto  ai neri o africani in Europa.

Governanti europei, ministri, Onu , Unhcr, non hanno ancora espresso chiaramente la loro posizione o il loro imbarazzo nel non fare nulla.

Questo week end ci saranno due manifestazioni contro la violenza , uno i maltrattamenti in Libia sugli africani e africane e, l’altra è contro la violenza sulle donne italiane.

Fatti innocenti : la violenza è una, le vittime sono tante..sarebbe stato bello trovarsi tutti uniti ma,  la differenziazione sociale ed etnica ci tiene separati.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...